DESCRIZIONE

Il corso permette di operare con i droni in ambienti non critici, ad esempio per la sorveglianza del territorio, il rilevamento delle condizioni ambientali, la trasmissione dei dati, le riprese aeree, l’agricoltura di precisione, l’ordine pubblico, l’edilizia e le rilevazioni archeologiche.

Il corso è strutturato in conformità alla normativa vigente. Prevede 16 ore e comprende le seguenti materie:

  • normativa aeronautica
  • meteorologia
  • circolazione aerea e impiego del SAPR (drone)

PARTE PRATICA

Il corso comprende lo svolgimento di missioni la cui durata complessiva non potrà essere inferiore alle 5 ore. Le manovre di coordinazione del corso pratico sono stabilite in funzione delle categorie e classe di APR (droni).

ESAME SKILL TEST

La prova finale consiste in una missione di almeno 10 minuti da effettuarsi con un APR della stessa classe e categoria sul quale si è svolto il corso pratico.

SEDI DEL CORSO

DOMANDE FREQUENTI

Si, sia nel caso di utilizzo professionale che ricreativo come da regolamento emendamento 3.

Stessi criteri di un video amatoriale effettuato col telefonino o con la videocamera.

Si, solo con attestato per operazioni critiche se il giardino/terrazzo è in ambito zona urbanizzata.

È necessario frequentare un corso di aggiornamento teorico e superare un esame pratico.

Indicativamente 2-3 settimane, ma dipende dalla programmazione delle lezioni teoriche e pratiche, queste ultime infatti possono essere ritardate per la presenza di condizioni meteo avverse.

Un Centro di Addestramento autorizzato dall’ENAC. Trovi la lista completa a questo indirizzo https://www.enac.gov.it/sicurezza-aerea/droni/organizzazioni-di-addestramento

Gli operatori di SAPR impiegati per uso professionale, indipendentemente dal peso, e gli operatori e/o i proprietari di APR di massa uguale o maggiore di 250 g impiegati per attività ricreative hanno l’obbligo di registrarsi sul portale D-Flight e di apporre il codice identificativo QR.

Per utilizzare un SAPR per motivi professionali è necessario presentare una Dichiarazione, nel caso di operazioni non critiche, oppure ottenere un’autorizzazione per operazioni critiche. Sono necessari, inoltre, l’attestato per il pilota, un’assicurazione, manuali di volo e in particolari spazi aerei, un nulla osta all’occupazione dello spazio aereo.

RICHIEDI INFORMAZIONI